Verniciatura Ducati Centauro

Collaborazione tra Imperiale Painting, Ducati e l’artista Paolo Troilo

Nel cuore dell’Emilia-Romagna, terra di motori e di passione, noi di Imperiale Painting abbiamo avuto l’opportunità di collaborare insieme a Ducati e all’artista Paolo Troilo in un progetto davvero unico, ‘Centauro‘, la trasformazione di una Ducati Streetfighter V4 Lamborghini in un’opera d’arte. Questa iniziativa ha segnato un momento significativo per noi, sottolineando il nostro impegno per promuovere l’eccellenza e la creatività nel settore della verniciatura automotive di lusso.

Un’opera d’arte dipinta a mano

Il progetto ‘Centauro’ ha coinvolto l’artista Paolo Troilo e la sua arte iperrealista, caratterizzata dall’uso esclusivo delle dita per dipingere, sulla superficie di uno dei modelli più emblematici di Ducati. Presso il nostro stabilimento, abbiamo accolto il Team di Ducati e l’artista Troilo, fornendo la cornice ideale per la realizzazione di ‘Centauro’. Questo progetto ha rappresentato un connubio tra l’arte visiva e l’ingegneria automotive di alto livello, dove la Ducati Streetfighter V4 Lamborghini è diventata non solo una moto, ma anche una tela pronta a raccogliere l’espressione artistica di Paolo Troilo.

La nostra partecipazione in qualità di partner tecnico

All’interno di questo progetto, noi di Imperiale Painting abbiamo curato ogni aspetto riguardante l’accoglienza dell’artista nei nostri stabilimenti, dove ha potuto realizzare la sua visione artistica, ‘Centauro‘, direttamente sulla moto. All’interno dell’azienda sono stati realizzati anche gli shooting fotografici e le riprese video che raccontano il progetto.

Il nostro team ha lavorato a stretto contatto con Troilo e il reparto marketing di Ducati per garantire che ogni dettaglio fosse perfetto: per l’artista la sfida non era soltanto estetica, ma anche tecnica, richiedendo una meticolosa preparazione della superficie per assicurare che l’arte potesse aderire in modo duraturo e rispettare le linee dinamiche della Ducati Streetfighter V4 Lamborghini. 

La principale complessità di questo progetto è stata infatti adattare l’arte iperrealista di Troilo a una superficie tridimensionale e curvilinea come quella di una moto sportiva di alta gamma. Questo ha richiesto un attento studio delle forme e dei materiali per assicurare che l’immagine finale oltre ad essere perfetta, fosse anche tecnicamente realizzabile, mantenendo intatte le qualità aerodinamiche e la funzionalità della moto. In questo aspetto, il contributo del nostro team è stato importante per affiancare Ducati e l’artista nello studio di fattibilità del progetto.

Questa non è stata però l’unica occasione in cui Paolo Troilo ha trasportato la sua arte unica all’interno del mondo dell’automotive di lusso: nel 2021 infatti l’artista ha realizzato l’opera ‘Minotauro’ dipingendo una Lamborghini Huracán EVO.

Art of creating myths: l’esposizione durante Arte Fiera

Nell’ambito dell’edizione 2024 di Arte Fiera, celebrata per il suo cinquantesimo anniversario, abbiamo avuto l’opportunità unica di ammirare, durante l’evento satellite ART CITY, le opere ‘Centauro’ e ‘Minotauro’, magistralmente create da Paolo Troilo. Queste creazioni sono state esposte nella prestigiosa Galleria Cavour dal 1° al 4 febbraio, offrendo ai visitatori un’esperienza indimenticabile. L’evento ha incluso anche un esclusivo vernissage, che ha visto la presenza dell’artista stesso, Paolo Troilo, pronto a condividere le sue ispirazioni e il processo creativo dietro queste straordinarie opere.

I protagonisti

Marco Pignatti, presidente di Imperiale Painting: “Collaborare con il brand Ducati e con l’artista Paolo Troilo in questa impresa ci ha permesso di mostrare il nostro impegno verso l’innovazione e l’arte nel settore automotive. Siamo entusiasti di aver contribuito, in qualità di partner tecnico, nel rendere possibile la realizzazione di questa importante opera d’arte.
La collaborazione su ‘Centauro’ dimostra l’importanza di unire competenze diverse per creare qualcosa di unico
.

Paolo Troilo ha descritto il suo lavoro come la perfetta simbiosi tra conducente e macchina che solo una Ducati può offrire: “Centauro nasce dall’immaginario di ciò che può essere la sensazione di fondersi, in quanto esseri umani, ad un mezzo che può aumentare le nostre capacità. […] Centauro è quindi la traduzione di questa sensazione: una volta che si cavalca una Ducati come questa, in realtà non si sente più la distanza che c’è fra uomo e mezzo, ma si diventa un tutt’uno.